Recensione di Spiral – Il reboot di Saw di Chris Rock è tortuosamente brutto

L’opprimente bruttezza del franchise Saw era, per un nucleo di fan sempre più ridotto, la sua USP – l’umida cattiveria del suo gore difficile da digerire e la squallida visione del mondo in discesa verso l’inferno che dava alla serie un odore caratteristico. Per quelli meno investiti, c’era ancora qualcosa di avvincente, e spesso genuinamente sorprendente, nella sua trama serpeggiante, ogni film mirabilmente impegnato in una mitologia complicata, anche se contorta, piuttosto che in un pigro rimaneggiamento della formula.

Ma è stato difficile per la maggior parte dei film giustificare la loro permanenza fino all’amara fine del 3D, come ascoltare una storia che va avanti per troppo tempo raccontata da qualcuno da cui si finisce per allontanarsi lentamente, e mentre il morbido reboot del 2017 prometteva qualcosa di nuovo, era prevedibilmente più dello stesso, un altro promemoria che le seghe avevano visto giorni migliori. Il sottogenere del torture porn che ha ispirato, pur essendo una tendenza affascinante e rivelatrice dell’epoca, era diventato altrettanto ammuffito, e quindi il concetto di un altro capitolo, così presto dopo, era involontariamente orribile. Il fatto che la Lionsgate abbia deciso di intrappolarci di nuovo nell’universo di Jigsaw non è una sorpresa di per sé, data la natura mortale del genere in generale (il prossimo anno vedrà altri franchise di Halloween, Candyman e Scream), ma la svolta qui è che è l’attore-comico Chris Rock a tirare le fila, un super fan dichiarato di Saw che assume il ruolo di protagonista, produttore e script-polisher non accreditato.

Il suo coinvolgimento, insieme a Samuel L Jackson come co-protagonista, e una campagna di marketing insolitamente elegante farebbero credere che forse il pomposamente intitolato Spiral: From the Book of Saw potrebbe essere più necessario del previsto, un tentativo elevato di trascinare il franchise in un nuovo decennio. Ma entro pochi minuti dal reboot in ritardo pandemico, il rivestimento della finestra cade via per rivelare nessuna carne, tutta cartilagine, un catastroficamente mal concepito spreco di tempo, energia e sangue finto che si spera riporti il franchise nella sua tomba dove merita di marcire.

Il film originale, uno shocker efficacemente insidioso, era naturalmente influenzato e debitore di Seven di David Fincher, un inizio del sottogenere del serial killer che lo avvicinava all’horror, un bastone che i creatori di Saw hanno preso e portato avanti senza mai cercare direttamente di emulare. Mai l’ombra di quel film si è profilata più grande che su Spiral, un tentativo prepotentemente arrogante di aggiornare la serie di sangue e budella in un elegante thriller poliziesco, come se un hamburger-flipper fosse improvvisamente incaricato di preparare una bistecca wagyu. Rock interpreta il protagonista, un cliché brizzolato che non segue le regole (check), ha un passato tormentato (check), una battuta per ogni situazione (check), un matrimonio fallito (check) e il desiderio di lavorare sempre e solo da solo (check). Ma dopo che un collega poliziotto viene trovato brutalmente assassinato (un’apertura a freddo sgradevole e maldestra che coinvolge una lingua e un treno), viene accoppiato con una recluta (Max Minghella) per indagare su un assassino che sta prendendo di mira coloro che lo circondano, prendendo a modello Jigsaw, morto da tempo.

Diretto da Darren Lynn Bousman, che è stato dietro a tre dei precedenti Saws (inclusi il secondo e il terzo capitolo, piuttosto divertenti), l’estetica emo del film è datata come i molti tropi che trascina pigramente fuori e ogni speranza che una nuova visione “fresca” per il franchise sia su di noi è infranta quasi immediatamente. È realizzato in modo scadente, mal recitato e scritto in modo imbarazzante come il peggiore della serie e le sue mancanze sono molto più evidenti perché quelli che ci sono dietro sembrano pensare di creare qualcosa di più raffinato di un altro film di Saw. La sottorete di polizia procedurale è scritta senza un briciolo di specificità o anche una vaga conoscenza di come lavorano i detective oltre a quello che si può imparare dalla TV (“Concentrati sul caso e risolvilo!”, “Attieniti alle prove concrete!”) e la risibile incompetenza della forza significa solo che rimaniamo molto rapidamente bloccati in un ciclo routinario di scene di morte disgustose, indizi di scherno e rimuginazioni piuttosto che in una vera indagine.

Le trappole del gioco sono così nodose come i fan potrebbero sperare, ma la struttura spesso le priva di qualsiasi reale suspense (scopriamo che qualcuno è morto prima di vederlo morire) e le vittime sono così repellenti che è difficile suscitare molto interesse per quanto sia disgustoso. La sceneggiatura, di Josh Stolberg e Peter Goldfinger, è interessantemente cupa nel modo in cui vede la corruzione, la negligenza e gli incidenti di brutalità all’interno delle forze di polizia, ma è gestita con tale casualità che ogni vago tentativo di fare qualche tipo di dichiarazione viene sprecato (i poliziotti sono così cartoonescamente, stupidamente amorali che deruba la situazione di ogni reale grinta). Mentre potrebbe essere stato un progetto di passione per Rock, non è chiaro esattamente cosa stia ottenendo da tutto questo, la sua performance è così imbarazzantemente mal giudicata che sarebbe un miracolo se prendesse ancora un ruolo drammatico. È tutto così brutto che mi sono chiesto se fosse una specie di specchietto per le allodole, uno scherzo per lui che forse è su di noi per guardare. Almeno come padre, Jackson è misericordiosamente sottoutilizzato.

È nell’atto finale che i film di Saw spesso eccellono, con un tiro al tappeto dopo un tiro al tappeto dopo un tiro al tappeto, ma il colpo di scena finale in Spiral è reso così assolutamente ovvio che la sorpresa più grande è che non c’è altro nelle loro maniche. È tutto così frettoloso e mezzo-calcolato, come se fosse stato messo insieme al volo piuttosto che intricato, scritto stupidamente e peggio di tutto sempre più noioso, una fine appropriata per un mucchio di budella marce che è meno un libro di Saw e più un romanzo. Il gioco è finito.

Spiral esce nei cinema degli Stati Uniti il 14 maggio e in quelli del Regno Unito il 17 maggio.

… visto che oggi ti unisci a noi dalla Spagna, abbiamo un piccolo favore da chiederti. In questi tempi turbolenti e difficili, milioni di persone si affidano al Guardian per un giornalismo indipendente che si batte per la verità e l’integrità. I lettori hanno scelto di sostenerci finanziariamente più di 1,5 milioni di volte nel 2020, unendosi ai sostenitori esistenti in 180 paesi.

Con il tuo aiuto, continueremo a fornire un reporting di grande impatto che possa contrastare la disinformazione e offrire una fonte di notizie autorevole e affidabile per tutti. Senza azionisti o proprietari miliardari, stabiliamo la nostra agenda e forniamo un giornalismo alla ricerca della verità che è libero da influenze commerciali e politiche. Quando non è mai stato così importante, possiamo indagare e sfidare senza paura o favore.

A differenza di molti altri, abbiamo mantenuto la nostra scelta: mantenere il giornalismo del Guardian aperto a tutti i lettori, indipendentemente da dove vivono o da quanto possono permettersi di pagare. Lo facciamo perché crediamo nell’uguaglianza dell’informazione, dove tutti meritano di leggere notizie accurate e analisi ponderate. Un numero sempre maggiore di persone è ben informato sugli eventi mondiali e viene ispirato a intraprendere azioni significative.

Il nostro obiettivo è quello di offrire ai lettori una prospettiva completa e internazionale sugli eventi critici che modellano il nostro mondo – dal movimento Black Lives Matter, alla nuova amministrazione americana, alla Brexit, e alla lenta emergenza mondiale da una pandemia globale. Siamo impegnati a mantenere la nostra reputazione per un reportage urgente e potente sull’emergenza climatica, e abbiamo preso la decisione di rifiutare la pubblicità delle compagnie di combustibili fossili, disinvestire dalle industrie del petrolio e del gas, e impostare un percorso per raggiungere emissioni nette zero entro il 2030.

Posted in: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.